.
Annunci online

Lapis
Laddove Anelare al Progetto Impone Sacrifizio


sogno


20 gennaio 2008

Immersive experience in Zuid Holland


Si narra che Dio abbia creato la terra, ma che gli Olandesi, selfmade-men, si siano arrangiati e abbiano pensato da soli all'Olanda, tirandola fuori dalle acque. Proprio lì, in mezzo all'Europa, attorno al 1200 d.C non c'era altro che quattro cormorani sperduti e bagnati, una barchetta ricoperta di cozze e nessun turista: niente tulipani (zoccoli e zoccole forse sì), qualche gregge e una lingua incomprensibile impastata di consonanti e birra. Poi il miracolo: altro che Dio, fuori dalle balle lui e tutte le madonne. Qui è terra di uomini. Batavi, Sassoni, Franchi, Tedeschi e Fiamminghi. Abili mercanti: la merce di scambio? Denaro e anime, se necessario. Uomini liberi che sapevano e sanno dove cercare e dove trovare: chi credete abbia fondato Nuova Amsterdam (oggi, la Grande Mela), sulle coste atlantiche del Nord America?

Mi appresto a lasciare la Bella 'monnezza italica, i suoi indagati e i magistrati, i gossip d'Oltralpe e Università contro il Sant'Uffizio, con la speranza che il Vesuvio per una buona volta ce la metta tutta e, come il Monte Fato, sia l'arbitro di eventi ormai alla deriva, come chiazze di liquame e petrolio. Dieci minuti di eruzione esplosiva dovrebbero bastare.

Pronto a partire: da una terra di brucianti contrasti a una regione bagnata dal mare e dal cielo. Un porto mai raggiunto, dove 'riformare' è di casa: popolo di allergici al dominio straniero, dove è curioso che uno degli eroi nazionali Willem van Oranje era detto 'de Zwijger', il Taciturno. I nostri parlano sempre troppo.

Dubbi, ansie? Be', non sarà facile le prime settimane, tra Mamma Politecnico e la sua infinita burocrazia e un po' di sana economia domestica a intralciare il quotidiano vivere.



In fondo, basta non ridursi così.





* sulla tetta c'è scritto:
'Le dispiace se allatto qui?'










permalink | inviato da Lapis il 20/1/2008 alle 0:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


22 ottobre 2007

Il preside pederasta

Grande. La Rowling può tranquillamente ascendere all'Empireo dei Classici. Giusto ieri ho letto l'ultima pagina del settimo capitolo della saga del maghetto inglese, un romanzo complesso e ricco di simboli, inno alla Morte e riflessione sul Sacrificio. Rubando qua e là dalla storia delle religioni e dalla letteratura fantasy, dalla Settimana Enigmistica alla Bibbia, da Tolkien al Giornalino, la donna più ricca del Regno Unito è riuscita a saldare il conto con i suoi lettori: la stronza è riuscita a far parlare di sè ancora una volta, fino alla fine, sollevando altarini e spalancando armadi sul passato di una delle figure più forti di tutta la narrazione. E il TG1, insieme alla Gazzetta del Profeta e a StudioAperto, gridano allo scandalo:

Albus Silente è FROOSCIO!



Nel mondo fantasy l'omosessualità non è rara: la solitudine dei due hobbit, Frodo e Sam, porcellini grufolanti allo sbando, sotto le pendici del Monte Fato...Gli elfi, personaggi ambigui, senza una sessualità disinta...Etc.Etc...Così, mentre Gandalf affossava la sua libidine fumando come un turco Erba Pipa, ecco che uno dei più potenti maghi della Storia, il venerato preside di Hogwarts, si scopre aver amato quello che in un futuro non lontano sarebbe diventato un suo nemico: il mago Grindelwald (forse un avo del mago Silvan). E come in una formula magica "due più due fa quattro" si rincorre il mito di Adriano e Antinoo: Harry, il preferito di Albus? Così è, se vi pare.




permalink | inviato da Lapis il 22/10/2007 alle 0:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


2 ottobre 2007

Radio LAPIS





La programmazione di radio "
LAPIS 666 FM "
è suscettibile di cambiamenti, modifiche improvvise della hit list
e cambi nell'organico.
Questa è una radio libera, disinformata e disillusa. 
State con noi.






L'unicavecchiaZia, MarchesadiP.zaInsubria, reporterBovisa a voi la linea.












permalink | inviato da Lapis il 2/10/2007 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


15 settembre 2007

DEVOTEDTOFASHION




A voi tutti, apostoli-pellegrini-martiri delle mode, a voi che siete religiosamente devoti al Fashion Triumphator: non abbiate timore dell'estremo sacrificio, accompagnati dalla fede incrollabile nello splendore dorato del Satin e nella morbidezza indulgente del Mohair.

Pagate, miei cari, pagate! Rivolgete i vostri 'pagamenti' alla Dea del Glamour.

Vi aspetta una Seconda Vita di passioni avvolgenti, di delizie fascianti, mollemente distesi su soffici piume, ad assaporare labbra dischiuse e teneri rossetti.








solo su SecondLife





permalink | inviato da Lapis il 15/9/2007 alle 0:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


20 luglio 2007

un piccolo contributo nella diatriba sulla parola "SNOB"







"Nell'anno 1000 non erano nessuno."


Conte Aimery de la Rochefocauld; così si espresse riferendosi ad una famiglia molto aristocratica, ma non abbastanza per lui, con la quale si era imparentato.

Da G.Painter, Marcel Proust













permalink | inviato da Lapis il 20/7/2007 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


20 luglio 2007

scoprirsi disidratati n.2

Scoprite che cos’è: non è un nachos, non è un rimasuglio dello stoccafisso che la nonna compra il giovedì mattina al mercato, non è un curioso vol-au-vent.




Nel frattempo, prima che andiate a prendere una bella "sidéla" dove vomitare, lasciate che vi trattenga con qualche piccolo appunto di beata erudizione.

Girolamo Segato

Cartografo, naturalista, viaggiatore: Girolamo Segato fu veramente spirito eclettico, figlio del Settecento classificatore e razionalista, curioso e dissacratore.Studioso di chimica e di mineralogia, tornò dai suoi viaggi in Egitto con la passione per la mummificazione e con l’ambizione di sfidare il tempo, elaborando una tecnica che consentisse la conservazione dei corpi, dopo la morte.

Questo procedimento di apparente pietrificazione è ancora avvolto nel mistero, in quanto egli non volle rivelarne il segreto, nonostante le critiche dei suoi contemporanei ed i numerosi tentativi di imitazione. Le sue realizzazioni sono oggi raccolte in gran parte nel Museo del Dipartimento di Anatomia, Istologia e Medicina Legale dell’Università degli Studi di Firenze, a cui il Museo di Storia della Scienza di Firenze e il Museo Civico di Belluno hanno affidato la conservazione dei loro reperti.

Dipartimento di Anatomia Istologia e Medicina Legale - Università degli Studi di Firenze

Post dedicato a Dracomoda




permalink | inviato da Lapis il 20/7/2007 alle 22:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


16 luglio 2007

calura estiva

Metodi casalinghi per sfuggire dai picchi di caldo intenso che stanno colpendo in questi giorni molte città italiane. Milano in particolare, dove sopravvivono solo turisti arrivati per caso nella City ambrosiana (where is Colosseo?) e pochi studenti madidi che, come umili spettri, vagano nei centri di sapere universitari abbandonati: qui si fa così. I vèch e vegèt muoiono come mosche (alla buon'ora).

1. latte e menta: ultimo cocktail di tendenza, senza alcool, perché l’alcool disidrata. Sarà il protagonista di tutte le serate cool milanesi, degustato in una mug dalla grafica auto-ironica. (chi fosse allergico al lattosio…be’, cazzi suoi).

 2. zanzariere: un salto al Brico o al LeRoiMerlin ed è fatta: potrete munire di questi apparecchi altamente tecnologici qualsiasi pertugio aperto della vostra casa. Dormirete sonni tranquilli, a finestre aperte, senza subire importuni salassi notturni da parte di improvvisati addetti dell’AVIS (leggasi: Aedes aegypti ). Evitando, tra l'altro, di improvvisarsi atleti nel lancio della ciabatta, o di morire asfissiati dagli zampironi di vostra madre.

 3. talco mentolato: reminescenza infantile, quando nostra mamma ce lo spargeva sul culetto arrossato dai nostri nauseabondi Pamper’s, utilissimo per le piaghe da sudore. Per non uscire dalle coperte senza la propria pelle (rimasta appiccicata al materasso).




permalink | inviato da Lapis il 16/7/2007 alle 19:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
pentole
matite
sogno
libri
miscellanea
cancelleria

VAI A VEDERE

Lapis on FLICKR
La zitella va in campagna
L'unica vecchia zia
Andreaaaa
Grandma'
IV
Bisogna saperla usare, una Moleskine
PECK
Interactions
Voce del verbo 'deliziare'
Lavagne e pennarelli
Tomas the Inuit
Il Paese delle Meraviglie
In Brianza Veritas
La gamba pavesina
reporter Bovisa
Masticatore di brodaglie
ZERo
Trendsandstuff
Fiorentina 1,8kg




Varie & eventuali a:

antinoo85@gmail.com

Lapis, sm. matita; pietra dura naturale di cui si valgono i disegnatori
per fare i loro disegni sulla carta, ed è rossa o piombina.

VOCABOLARIO della LINGUA ITALIANA
per cura di Antonio Sergent – con i segni della pronunzia toscana –
Editore Francesco Pagnoni, 1876

questo blog sostiene



 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

CERCA